5 CONSIGLI PER CORRERE CON LA PIOGGIA

Piove e dovrei correre. Ma da quando sono nato sembra che la pioggia sia ciò che di peggio mi potesse capitare. Pensateci bene, quante cose ci hanno vietato sin da piccoli, e noi senza analizzarle realmente le mettiamo in pratica ancora oggi e anzi, le traferiamo ai nostri figli? Si dice che il 70% delle cose che diciamo, le diciamo “per averle sentite”, ma non per averle testate personalmente.

E così, quando piove “preferiamo stare a casa perché ci si bagna”, “perché ci si ammala”, o semplicemente “perché non si fa e basta”.

Sappiate, al contrario, che correre con la pioggia è fantastico.

La pioggia in testa ti rilassa, e il poter buttarsi dentro le pozzanghere ti riporta subito a quando eri bambino.

Se sono riuscito a convincervi, vi do anche 5 consigli che potrebbero esservi utili.

  1. ABBIGLIAMENTO

La cosa più impermeabile a questo mondo è la nostra pelle. Capisco però che correre nudi non vi faccia sentire a vostro agio, e inoltre le temperature invernali non lo consentirebbero.
In caso di pioggia battente utilizzate un giubbino (leggero) antipioggia, possibilmente colorato, che vi permetta di essere visti più facilmente. A contatto con la pelle: intimo tecnico.
Visiera e cappellino sono indispensabili per tenere lontane le gocce d’acqua dagli occhi e consentirvi di vedere meglio, specialmente quando è buio.

Ricordatevi che più siete vestiti, più i vestiti si inzupperanno: per questo spesso in inverno preferisco correre molto leggero ma cospargermi gambe e braccia con creme riscaldanti.
Ricordate comunque sempre la regola dei 10°: prima di uscire di casa, guardate il termometro e aggiungete 10°, questa è la temperatura che percepirete…e vestitevi adeguandovi a questo dato.

2. SFREGAMENTO

Con la pioggia e i vestiti bagnati è molto facile provocare irritazioni da sfregamento.

Ci sono in commercio tantissime creme utili, ma anche la cara vecchia vaselina è perfetta. Piedi, interno coscia, capezzoli, ecc…cospargetevi e fate in modo che la corsa non sia mai dolorosa.

3. SIGILLA LA TECNOLOGIA

Quanto avete speso per il vostro smartphone? La tecnologia è molto sensibile all’acqua e buttare un telefono o un altro dispositivo elettrico non è mai bello. Utilizzate custodie e tasche impermeabili del giubbino, altrimenti avvolgete il vostro dispositivo con pellicole impermeabili e mettetelo al sicuro in qualche tasca o piccolo marsupio.

4. CONTROLLA LE SCARPE

Correre con la pioggia è scivoloso, soprattutto nel centro delle città con pavè e ciottolato. Quindi è meglio avere delle scarpe con una suola intatta, in maniera che l’acqua scorra sotto la suola stessa (come succede con le gomme della macchina).

Non volete bagnarvi eccessivamente i piedi? Provate un paio di scarpe con tomaia in Gore-Tex!

5. MODIFICA LE TUE USCITE

Le giornate piovose non sono proprio l’ideale per le ripetute con recupero “da fermi”: stare immobili per anche solo un minuto vuol dire raffreddarsi e molto.
Inoltre quando piove si corre più lenti: il rallentamento non deriva solo dalle avverse condizioni meteo, ma anche dal fondo stradale, reso impervio e scivoloso dalla pioggia. Perciò provate a ridurre la falcata aumentando il numero di passi. I vostri piedi staranno così a contatto per un tempo minore con il terreno. Consiglio spassionato: quando piove lasciate a casa tabelle e allenamenti specifici, e correte per il piacere di correre e di divertirvi. Fidatevi, andrà proprio così.

Per tutti i prodotti da Running c’è Deporvillage

Stefano Francescutti

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *